Diario di bordo: Saint Motel live @ Roma Nov. 2016

Con un estremo ritardo, del quale ci scusiamo, vi presentiamo oggi l’articolo sui live dei Saint Motel che si sono tenuti a Roma il 10 e l’11 novembre appena trascorsi. Ci piace come sempre raccontare le cose così come sono e per quanto mi riguarda sono sempre molto belle. Sono arrivata a Roma il lunedì, dopo l’intervista a RadioWave in cui io e Valeria abbiamo avuto occasione di raccontare il progetto di Saint Motel Italia agli ascoltatori. I ragazzi hanno poi suonato giovedì sera a Roma presso lo Spazio Novecento in occasione del Connected Party organizzato da Citroen e Radio Deejay.

Uno scatto di Piazza di Spagna a Roma

Spazio Novecento è una bellissima struttura molto ampia ed elegante nella quale di solito sembrano organizzare serate e sembra essere utilizzato come discoteca. Dico sembra perché questo è quello che mi è stato riferito da alcuni amici di Roma e che mi hanno gentilmente ospitato per tutta la settimana. La sera del live io e mio cugino, che si è offerto di accompagnarmi all’evento, incontriamo Laura e il suo ragazzo. Chi è Laura? Vi starete chiedendo. Si tratta della nostra ultima new entry che da poco tempo fa parte dello staff e si occupa della gestione dei nostri social, e con la quale ero in contatto su Instagram e poi su Facebook proprio perché fan della band. Forse non lo sapete ma per accedere all’evento era necessario essere in lista. Fortunatamente una ragazza dello staff dell’evento ci aveva taggato su Twitter e in questo modo ho potuto contattarla e avere il mio posto prenotato, ma, quando arrivo di fronte all’ingresso scopro di avere due liste a mio nome, o meglio già lo sapevo, ma non ero del tutto sicura. Una lista era stata registrata con il mio nome anagrafico e l’altra come Gloria (che voi saprete essere un soprannome, e se non lo sapevate beh ora lo sapete). Dal momento che alla ragazza mi ero prenotata a nome Gloria, soltanto un’altra persona poteva aver utilizzato il mio nome anagrafico per la lista, vi lascio intendere. Ad ogni modo non ci sono stati problemi, saliamo i gradini, ci guardiamo intorno un po’ spaesati e ci appostiamo di fronte al palco, dove ancora non c’èra molta gente, o per lo più era sparpagliata nel locale. La mia incontenibile irrequietezza, che puntualmente si presenta in queste circostanze, mi costringe a spostarmi e ad andare al piano di sotto per lasciare il giubbino al guardaroba. Tuttavia la mia irrequietezza casca a pennello, poiché mi ha fatto incontrare A/J al piano di sotto che stava parlando con alcune persone (sarò sincera, non ho idea di chi fossero nonostante me le abbia presentate). Facciamo due chiacchiere al volo e mi chiede come è andato il rientro in Italia. Avrei voluto dire ”terribile” perché terribile è riuscire a riadattarsi ad una città che amo ma che mi sta stretta ed è cosparsa di visi cupi e ingrigiti dalla pioggia. Ma sono troppo ottimista per eccedere con questo tipo di contaminazioni da parte di ciò che mi circonda quindi ho semplicemente risposto ”bene nonostante il viaggio incredibilmente lungo”. Torno di sopra, saluto A/J, mi sposto nella terrazza dove si era eclissato mio cugino, e ovviamente le sorprese non finisco dato che incontro Greg che mi accoglie come al solito a braccia aperte, letteralmente. Parliamo un po’, anche lui stesse domande, era particolarmente in forma, carico ed elettrizzato dalla serata, prende in simpatia mio cugino, anche lui musicista, ma non posso far perdere a Laura l’occasione di incontrarlo, così mando appunto mio cugino a cercarla, ed eccola che arriva. Greg viene poi trascinato via perché ”deve fare stretching” prima di suonare °_° okkkk! L’ora dello show si avvicina, e, finalmente ci siamo posizionati come si deve sotto il palco. I Saint Motel vengono presentati, aprono il concerto con Cold Cold Man, con la quale, com mia sconvolgente sorpresa, A/J da sopra il palco mi si avvicina con il microfono per canticchiare il pezzo. No ti prego, sono stonata, non farlo mai più! 😀 Nonostante l’imbarazzo ho cercato di spaventare il pubblico come potevo in pochi secondi LOL. Qui sotto la nostra diretta da Facebook. Ci scusiamo se per un po’ è capovolta, la prossima volta staremo più attenti.

Si va avanti, live da paura, soprattutto per via dei pezzi nuovi dall’album SaintMotelevision che avevo sentito precedentemente a San Francisco senza conoscerli ancora ma che avevo subito amato. Adesso che li conosco meglio il live è ancora più coinvolgente. Con i ragazzi le sorprese non finiscono mai, e ormai dovrei essermi abituata ai colpi di scena, ma non è così, vi assicuro che non finiranno mai di stupirmi. E mentre tu sei lì sotto che ti godi il concerto, scatti fotografie e fai qualche ripresa per la pagina, completamente distratta ma assorbita dal tuo gran da fare, è allora che ti colgono impreparata e sentirsi chiamare dal palco all’improvviso mentre la band suona fa un certo effetto. Se non ho capito male ”il capo” mi ha ”rimproverato” in modo ironico: ”Gloria, potresti seguire?!”, in inglese ovviamente. Sì, perché A/J stava parlando ed io ero troppo presa dalle fotografie per prestare attenzione. Purtroppo non posso farvi vedere il video di questa circostanza perché le riprese le ho trovate solo dopo sulla fanpage FB di Citroen, ma non essendo nostre non è il caso di pubblicarle qui. Potete comunque andare sulla loro pagina e cercare il video della diretta. Nel mio profilo personale su FB c’è l’estratto di questo momento ma è visibile solo agli amici. Come sempre non mi dilungherò sul live per il semplice motivo che non sono una musicista e comunque non è nel mio interesse scrivere un articolo tecnico, perché di tecnicismo il mondo ne è fin troppo pieno. Anche dopo lo show abbiamo passato un po’ di tempo con Greg, incontrato velocemente gli altri e dopo averli salutati abbiamo continuato quel poco che restava della serata. Per concludere vi postiamo qui il video del live a Spazio Novecento. Il video non è integrale ma grazie alla collaborazione con Laura e Piero, siamo riusciti ad ottenere una buona quantità di materiale e a realizzare quello che segue.

Il giorno dopo i Saint Motel hanno suonato in versione acustica al Negozio Discoteca Laziale. Dove anche qui sono stati meravigliosi, in un’atmosfera più intima che li ha visti scendere dal palco e suonare a pochi cm di distanza dal pubblico. Potete trovare un breve video del live sul nostro account Instagram dove il primo pezzo è stato suonato sul palco. Inutile dilungarsi su quanto siano stati carini anche il giorno successivo. Noi vi lasciamo con alcuni scatti anche inediti dei live, e una foto del pubblico scattata dalla band. Vi invitiamo a visitare la gallery per visionare tutti gli scatti della serata.

A presto,

Gloria

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...